— michele cantarelli blog

Archive
febbraio 2013 Monthly archive

ph Michele Cantarelli

 

NOTA DI COPYRIGHT
Ogni riproduzione, pubblicazione e trasmissione di testi, immagini, video e suoni contenuti su questo blog è proibita e tutelata dalle leggi sul diritto d’autore.

Read More

ph Michele Cantarelli

 

NOTA DI COPYRIGHT
Ogni riproduzione, pubblicazione e trasmissione di testi, immagini, video e suoni contenuti su questo blog è proibita e tutelata dalle leggi sul diritto d’autore.

Read More

_CNT1928Non fotografo molti matrimoni.
Ho rifiutato diverse proposte, specie quelle che richiedevano uno stile glamour che non mi appartiene. Amo più un approccio reportagistico, che miri a cogliere i momenti significativi in punta di piedi.

Al matrimonio di Federico e Michela hanno lasciato che mi sentissi completamente libero. Quando Adelaide, la madre dello sposo, nonché mia cara amica me ne ha parlato non era una proposta, ma un invito. Le immagini che seguono sono la mia interpretazione della storia che loro mi hanno raccontato.

Read More

“L’altra sera eravamo soli; accade così raramente ormai.
Mi ha chiamato nella sua stanza e le nostre labbra si sono incontrate per la prima volta dall’ultimo dell’anno. Poi il campanello della porta ha suonato, Chandler e un suo amico… la nostra voglia è svanita.
La mattina è arrivata chiara e brillante. «Ti farò dei ritratti oggi Zinnia.» Il sole del Messico, ho pensato rivelerà ogni cosa. Catturerò parte della tragedia della nostra vita presente, niente si può nascondere sotto questo limpido cielo crudele. Si è appoggiata contro un muro bianco. Mi sono avvicinato… e l’ho baciata.

Read More

Edward Weston foto di Tina Modotti, 1924Alla fine degli anni Venti Edward Weston scattò molte delle fotografie che ora vengono poste al vertice della sua opera.
In particolare le immagini delle conchiglie ebbero grande successo.

Quando Weston ne recapitò alcune in Messico alla sua compagna di allora, Tina Modotti, lei gli scrisse: «Sono rimasta senza parole. Che purezza di visione! Quando ho aperto il pacco non sono riuscita a guardarle a lungo, suscitavano sensazioni tanto profonde da farmi provare un dolore fisico». Le definì allo stesso tempo «tanto pure e tanto perverse».

Read More