— michele cantarelli blog

La moda secondo Scianna: Marpessa

MarpessaDi tanto in tanto cerco in vendita on-line il libro su Marpessa di Ferdinando Scianna e stasera l’ho trovato usato in edizione in lingua francese su amazon a 641$.

In condizioni “very good” peraltro e vi garantisco che per un attimo mi ha sfiorato l’idea. Potrebbe essere un buon investimento, ma io non acquisto libri per rivenderli mi ci affeziono e li riguardo quando ne ho voglia.
D’altra parte sarebbe una pazzia per le mie tasche spendere quei soldi su un libro che non sia da considerare per l’appunto come un investimento.

Eppure penso spesso a quell’opera. Il titolo del libro edito da Leonardo Mondadori nel 1993 è Marpessa, un racconto; andò esaurito in pochi mesi ed è introvabile e ricercatissimo.

Marpessa, figlia di madre olandese e di padre del Suriname è (s)oggettivamente bellissima. Ha lavorato con Scianna per le più prestigiose riviste di moda, ma il primo incontro avvenne a Bagheria, in Sicilia, in occasione della campagna che Dolce e Gabbana commissionarono al fotografo siciliano. “Mi parve alta, piccolo come sono. Mi colpì il suo sguardo verde, splendente ma inquieto, imbarazzato. La più famosa del mondo della moda era lei. Non avevo nessun progetto su come avrei fatto le fotografie”, così Scianna descrive l’impressione che le fece Marpessa.
I vestiti erano ispirati alla Sicilia e l’approccio operativo che il fotografo utilizzò fu quella del reporter.
Ne uscì un lavoro strepitoso in cui la modella venne inserita con ambiguità tra realtà e finzione nel contesto in cui Scianna aveva vissuto da ragazzo e aveva fatto parecchie fotografie.

Scianna si ritrovò nel ruolo insolito di guidare Marpessa negli spazi e nelle relazioni con le persone, come i bambini che uscivano da scuola, le donne e gli uomini del paese, un macellaio che portava un pezzo di bue in spalla, un bambino che fa il verso al fotografo con una scatola di fiammiferi. Situazioni reali, dove Scianna inserisce l’artificio, ma non senza una dose di autenticità, tanto che “in quel lavoro hanno coinciso una quantità di cose che sposavano l’artificio codificato della fotografia di moda con qualcosa che attraversava autenticamente elementi sia autobiografici, sia stilistici”.

Ecco, non mi è mai interessato fotografare la moda, ma se immagino di farlo penso esattamente a Scianna, la Sicilia e l’incantevole Marpessa.

 

Marpessa

 
 
fotografie di Ferdinando Scianna
citazioni tratte da “Autoritratto di un fotografo”, Ferdinando Scianna, Mondadori, 2011


0 comments
Submit comment