— michele cantarelli blog

Ma che cos’è una istantanea?

8e62249d889496484739fbc018c56639Chi può dire di conoscere con completezza la definizione di “istantanea”?
Forse alcuni, ma ci scommetto non molti, perché esistono una pluralità di accezioni che si sono accumulate nel tempo e che hanno contribuito a creare confusione e pareri discordanti.

E allora proviamo a fare chiarezza. Partiamo dal termine inglese “snapshot”; l’Oxford English Dictionary ne da questa definizione: “colpo sparato senza prendere troppo precisamente la mira; fotografia istantanea scattata con apparecchio fotografico manuale”. “Snapshot” acquistò il significato di “istantanea” alla fine degli anni 50 dell’800, quando ne vennero scattate per la prima volta e nel 1860 Sir John Herschel usò il termine in questione in relazione alla possibilità di fermare e analizzare il movimento scattando questo tipo di foto.

Il lancio e la diffusione della Kodak a fine ‘800 rese l’espressione di uso comune e con il tempo venne associata a fotografie scattate da dilettanti, con apparecchi molto semplici e per alcuni acquistò quasi un valore dispregiativo.

Una definizione più ampliata riguarda lo spirito con cui l’immagine viene presa, che solitamente è inerente fotografie fatte semplicemente per ricordo di una persona, di un luogo, di un evento, senza pretese artistiche o finalità commerciali.

Una foto istantanea poi viene scattata con un tempo di esposizione non superiore a 1/25 di secondo e a mano libera, ma il termine può anche sottintendere la spontaneità di una immagine scattata rapidamente e senza preparazione (vedi la definizione di “snapshot” in ambito militare). Ad onor del vero molte foto classificate come istantanee sono ritratti posati e scattate talvolta con tempi di esposizione che richiedono l’utilizzo di un sostegno. Pertanto l’istantanea può essere presa sia con esposizioni a tempo che immediate, prevedere un certo grado di spontaneità così come una qualche preparazione del soggetto.

La sua caratteristica principale sembrerebbe comunque quella di essere scattata da un fotografo non professionista, o comunque non nell’ambito della sua professione, e di essere motivata dal semplice desiderio di documentare e di immortalare la vita delle persone e il loro tempo.

La definizione corrente di istantanea è relativa ad un determinato tipo di pellicola, quella autosviluppantesi, che si sviluppa e stampa in pochi secondi senza necessità di passaggi in camera oscura. Il sistema, nato in origine in bianco e nero divenne successivamente a colori e riscosse un enorme successo negli anni ’70 e ’80 con le mitiche Polaroid.

Ricapitolando, con il termine “istantanea” nel corso del tempo si è inteso:
– fotografia scattata con tempi di otturazione tali da fermare il movimento
– fotografia scattata rapidamente e senza preparazione per riprendere la “spontaneità del soggetto”
– fotografia scattata da un dilettante con apparecchiatura semplice
– fotografia fatta per ricordo senza pretese artistiche o finalità commerciali
– fotografia scattata con pellicola autosviluppantesi

 
 

miniatura: ph Michele Cantarelli


0 comments
Submit comment