— michele cantarelli blog

Markéta Luskačová

14178_h500w820gt.3(Praga, 1944)

Si fa un gran parlare di street photography. Ci sono grandi nomi tra quelli considerati maestri di questo genere, che poi un genere non è perché troppo trasversale. Alcuni di questi riprendono i comportamenti umani con grande perizia tecnica e linguistica, lasciando l’osservatore stupefatto da giochi di luci e ombre, composizione, scene bizzarre.

Il caso di Markéta Luskačová è diverso.
Intanto perché a me non è mai capitato di leggere il suo nome tra i maestri della street – meglio così mi viene da dire, anche perché la sua fotografia è sociale, quindi più ampia della street, seppur la ricomprenda – in secondo luogo perché le immagini prese dalla grande fotografa ceca infondono nel lettore, che pur con quelle persone e quei luoghi raffigurati potrebbero non avere familiarità, un’intimità inaspettata e autentica verso quelle scene, capacità che nella cosiddetta street si ritrova in pochi eletti.

Eh sì perché la Luskačová quei luoghi e quelle persone le vive profondamente dentro di sé.
Lei è impegnata con il mondo come un paesaggio abitabile, come una comunità di parentele, relazioni e legami personali.
Per mezzo della sua Leica e con una tecnica non sempre impeccabile che rafforza l’espressività delle sue immagini, l’artista si relaziona ai pellegrini, ai contadini, ai musicisti di strada, alle maschere carnevalesche, ai senzatetto, ai bambini catturando non solo storie di vita ma anche la fragile immortalità del momento. E’ street senza dubbio e anche molto di più.

Riferendosi al lavoro Pilgrims, John Berger scrive che a Markéta Luskačová potrebbe essere stato affidato un incarico dai Morti: realizzare un reportage su di loro con gli occhi dei vivi. “Quel che [i Morti] avrebbero avuto piacere di vedere” scrive Berger “erano degli uomini e delle donne che si ricordassero ancora dei Morti. Non qualcuno che avesse appena perso un caro […] ma persone che vivono la loro vita di tutti i giorni guardando più lontano, oltre, coscienti che i Morti sono nostri vicini” (John Berger, Capire una fotografia).

 

01

003_marketa_luskacova_children_in_playground_IV_Francis_holland_school_london_88

2461_78459063824_4088889_n

14175_h2048w2048gt.3

14178_h500w820gt.3

14179_h550w916gt.3

14181_h500w820gt.3

14182_h550w916gt.3

14183_h550w916gt.3

a00917e4e2f9bce6f736c679b67f61f1

bfe92dd296a685fcbbbe9e85b67f5451

customLogo.gif

IMG_0130

joanna and kevin with 10 penny sweets belfast 86

Luskacova__Cafe_Be_2279371i

Spitalfields, 1976

pm-12506-large

pm-12507-large

pm-12509-large

Poutni¦üci-Pilgrims-Tę-Marke¦üta-Luskac¦îova¦ü-1965_small

SVK_SNG.UP-DK_997-k

SVK_SNG.UP-DK_997

tumblr_mdpeh8lWFZ1rkotcoo1_1280

VHA55d73c_PoutniciMarketaLuskacova1968

VHA55d739_OdetechLondynMarketaLuskacova1988

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Tutte le immagini © Markéta Luskačová
http://www.marketaluskacova.com


0 comments
Submit comment