— michele cantarelli blog

Memento e il messaggio senza codice

Memento è la storia di Leonard Shelby che a causa di un incidente ha perso la facoltà di memoria breve. Ricorda tutto quello che è accaduto prima dell’incidente, ma dimentica tutto quello che gli accade nel presente. Il suo scopo è quello di rintracciare l’assassino della moglie, ma è oggettivamente condizionato e limitato dalla sua malattia.

Così per cercare di andare avanti e dare un senso alle sue azioni annota su carta e si tatua sulla pelle tutto ciò che gli capita come indirizzi, nomi, targhe di automobili, riflessioni e considerazioni. E fotografa con una polaroid tutti i pezzi della sua vita.

Al di là degli indiscussi meriti dell’opera cinematografica vorrei fare qualche breve considerazione sul tema della fotografia che emerge dal film.

La prima, abbastanza ovvia, è che la fotografia costituisce la memoria storica umana, perché quello che è fotografato oltre che essere stato è anche esistito e quindi il protagonista vi trova traccia della propria esistenza.

La seconda considerazione parte dall’asserzione di Roland Barthes, ovvero che la fotografia è un messaggio senza codice. Il codice è un insieme segnico sempre arbitrario, cioè stabilito secondo un contratto collettivo imprescindibile dalla cultura e dalle esperienze umane.

Il protagonista del film ha bisogno non solo di fotografare, ma inevitabilmente anche di scrivere sulle fotografie, annotando per esempio chi è quella persona e le considerazioni intorno alla medesima. Cosa significherebbe l’immagine di una insegna, senza una spiegazione codificata per un individuo che non ricorda dove quando e perché l’ha ripresa?


0 comments
Submit comment